08 LUGLIO - Gossip / Lifestyle / People

Calciatori sotto l’ombrellone: il decalogo per scovarli e provare a conquistarli

Scritto da:

Tra i protagonisti dell’estate ci sono sempre i calciatori

a cura di Monica Bertini

Un tempo erano attori e cantanti a farla da padrona, adesso sono tronisti, corteggiatori e tentatori a spopolare, probabilmente dalle prossime estati sarà l’ora di YouTubers ed influencers: ogni ciclo estivo ha i suoi protagonisti ma se c’è una categoria che non passa mai di moda, non ci sono dubbi, è quella dei calciatori!

View this post on Instagram

Guardami le spalle…..❤️❤️

A post shared by Francesco Totti (@francescototti) on

E allora fanciulle che cullate il sogno di sposare un calciatore prendete appunti… A dire la verità non posso promettervi che il vostro sogno si concretizzerà (anzi, per evitare qualsiasi tipo di illusione tengo a precisare che la percentuale di realizzazione è piuttosto bassa), però intanto vi insegno a riconoscerli poi al resto dovrete pensarci voi.

Ibiza & Co.

Se volete andare sul sicuro e incontrare un calciatore tra la seconda settimana di giugno e i primi dieci giorni di luglio iniziate col digitare in Google “vacanza ad Ibiza/Formentera/Mykonos”, queste sono le destinazioni più gettonate nelle quali si alza la percentuale di incontri ravvicinati di quel tipo. Se però preferite l’Italia, una meta evergreen resta Milano Marittima con i suoi tornei sulla spiaggia e le serate nelle discoteche romagnole oltre a Capri, prima considerata luogo romantico da vivere in coppia ora invece non è difficile trovare gruppi di compagni di squadra in barca durante il giorno, in piazzetta per l’aperitivo o nello storico locale “Anema e core” di sera… ma tutti maschi sai che noia?!?

View this post on Instagram

Volevo ringraziare tutti voi che oggi avete avuto un pensiero per me….siete davvero tanti, questo mi rende felice!🙏🏻❤️ #happybdaytome🎉 #37 🥂

A post shared by Marco Borriello (@marcoborriello) on

Ci vuole un fisico bestiale

Sì, questo si ma anche astuzia, mi spiego meglio e parto da voi.

Sarò onesta cercando di non urtare la sensibilità di nessuno; per me vale il principio “non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace” solo che generalmente al calciatore ciò che piace è oggettivamente bello. La loro è una categoria abituata bene per cui è più probabile che i giocatori vengano attratti da ragazze la cui bellezza è oltre la media. Se non fate parte di quella categoria non disperate, non sempre le “straf…” hanno la meglio. Ricordate che nel lungo periodo la testa vince sul corpo però chiaramente voi non avrete tutto quel tempo per cui usatela bene: giocate con lo sguardo, abbiate modi gentili ed educati, non strafate, cercate di farvi notare ma sempre con eleganza, mentre alcune manifestano chiaramente la volontà di saltare addosso alla preda di turno, voi fuggite e ricordate che l’uomo è cacciatore (anche il calciatore).

View this post on Instagram

Holidays with my family in France Riviera Enjoy the views 😀❤️👌🏻☀️⛴

A post shared by Cristiano Ronaldo (@cristiano) on

Il branco

A proposito… i giocatori si muovono in gruppo, durante l’anno sono abituati a fare squadra, nello spogliatoio, in campo e spesso anche fuori per cui è molto probabile che pure le vacanze le abbiano organizzate per stare in compagnia e si siano dati appuntamento nel medesimo posto.

View this post on Instagram

🎉❤️😎

A post shared by ANDREA PETAGNA (@andreapetagna) on

I dettagli

Se sono i dettagli a fare la differenza, quelli che caratterizzano i calciatori sono piuttosto visibili: siete in spiaggia e il vostro occhio attento ha rivolto lo sguardo verso quei “Bronzi di Riace” dal fisico atletico, con i polpacci molto pronunciati, gambe depilate e quasi tutti hanno dai 5 ai 20 tatuaggi? Ecco allora all’80% quelli sono giocatori di calcio. Ma voi giustamente dovete andare sul sicuro per cui cerchiamo altri dettagli per arrivare alla certezza; per farlo prendete in considerazione un’intera giornata.

View this post on Instagram

Pool and 🍟 #sundaymood #home #takeiteasy

A post shared by Claudio Marchisio (@marchisiocla8) on

Il buongiorno si vede dal mattino

I calciatori non arrivano mai in spiaggia troppo presto (sia perché si sono lasciati alle spalle da qualche settimana la sveglia per l’allenamento mattutino sia perché spesso sono reduci da serate, per così dire, “impegnative”). Dalle 11 in poi iniziate ad aguzzare la vista… Eccoli lì, sono quei bei ragazzi che avevate già notato, se sotto al braccio, in mano o nella borsa da mare spunta la loro Bibbia, ossia “Gazzetta dello Sport”, la percentuale che siano realmente calciatori sale all’85%.

Il primo amore non si scorda mai

Tra una pagina e l’altra letta sul lettino ecco che arriva il richiamo dell’eterna fidanzata di qualsiasi calciatore: stiamo ovviamente parlando della palla. E allora  il primo parte con qualche palleggio, arriva un altro per un po’ di scambi, poi il terzo la ripassa di testa ed ecco che in meno di 2 minuti ci si trova immersi in una sfida sentita come la finale di Champions League, anche perché in palio c’è l’onore (nessuno vuole fare la figura del perdente davanti ad altri sconosciuti vacanzieri che nel frattempo si sono armati di telefonini e hanno iniziato a postare stories e a fare dirette social) e chi perde paga l’aperitivo.

Happy hour

Dopo essere arrivate al 90% di certezza che quelli che state spiando meglio di come potesse fare l’agente 007 siano realmente calciatori, avete la possibilità di avvicinarvi ancora più a 100 grazie al momento clou della loro giornata vacanziera: l’aperitivo. Cercate il chiringuito più in voga perché loro saranno lì. Tra un angolo di paradiso con vista sul mare e tramonto mozzafiato e un localino sulla spiaggia con musica a tutto volume e “ragazze immagine” poco vestite, state sicure che loro sceglieranno il secondo… Sceglietelo anche voi però per favore non correte a casa o in hotel a cambiarvi, mettervi zeppe e tacchi vari, non truccatevi ne acconciatevi i capelli come se andaste ad un evento di gala! È un aperitivo al mare e tale deve essere l’outfit. Basta un bel copricostume, occhiale da sole fino a quando tramonterà e ciabattine o sandali bassi. Nella prima versione, quella che ho sconsigliato, correte il rischio di essere notate, questo si, ma in quanto fuori luogo e a volte al limite del ridicolo, nella seconda invece un bel pareo, un vestitino vedo non vedo, short di jeans e top potrebbero essere molto più intriganti.

L’appetito vien mangiando

In base all’ora in cui terminerà l’aperitivo e a cosa ha proposto l’happy hour a livello culinario, solitamente quei bei ragazzi che avete tenuto d’occhio tutto il giorno decideranno se andare a cena o meno. Ecco, ora però fermatevi per un po’, vi consiglio di staccarvi un attimo: andate nella vostra stanza, riposare un’oretta (il mare stanca ma anche il lavoro da investigatore non è da meno) fatevi una bella doccia, preparatevi per la serata e uscite senza essere ossessionate dalla loro ricerca. Sicuramente se avete seguito le istruzioni precedenti anche alcuni di loro vi avranno notate e magari avranno pure fatto un pensierino su di voi, sperando di incrociarvi nuovamente sul loro cammino vacanziero, per cui lasciate che il fato faccia il proprio gioco e affidate tutto alle coincidenze. Loro non trascorreranno la cena pensando al fatto che potreste essere la madre dei loro figli e che dovranno conquistarvi a tutti i costi per cui non fatelo neppure voi… Le cose accadono, a voi il compito di incentivarle preparando il terreno.

Ci siamo!

Dopo cena la vostra pancia è piena, il cuore ancora no. Che ne dite di una passeggiata digestiva? Avete i tacchi?!? Resistete amiche, resistete! E spalancate gli occhi… Guardate un po’ chi si rivede? Il costume colorato, i pantaloncini da mare e la maglia dei campioni di NBA usata i spiaggia hanno fatto spazio al look da serata che solitamente i calciatori hanno in due versioni: total black o total white. Maglia piuttosto larga e lunga e pantaloncini altrettanto larghi che arrivano sotto al ginocchio stile “Rick Owens” e ultimo modello delle introvabili sneakers di turno tipo “Off-white”. Dai, ora sarete certe al 100% che si tratta di un gruppo di calciatori e dopo esservi visti “casualmente” in spiaggia durante il giorno, all’aperitivo e dopo cena direi che un “ciao” e un sorriso ci possono scappare… E magari così da parte loro scatta un bell’invito in discoteca. Andate no?!? In fondo è quello che volevate, siete state brave a farvi invitare senza essere invadenti per cui se è arrivata la proposta è perché anche a loro fa piacere.

View this post on Instagram

Summer vibes 🌊☀🙌🏼

A post shared by Federico Bernardeschi (@fbernardeschi) on

Le altre chi???

Ciò che invece a voi non farà altrettanto piacere è scoprire che al loro tavolo in discoteca ci sono altre flotte di ragazze. Fanciulle dovevate aspettarvelo, ma non disperate. Dove ci sono i calciatori ci sono sempre tante (e solitamente belle) ragazze, di tutti i generi, bionde, more, rosse, alte, basse, chi con un viso pazzesco, chi con un fisico mozzafiato. Ma a voi cosa ve ne importa delle altre? Sapete il vostro valore e, intelligentemente, non vi mettere in competizione con nessuna ma anzi se le altre si buttano addosso a Tizio, voi a Tizio gentilmente allungate solo una mano per presentarvi, se le altre muovono il sedere sotto il naso di Caio come le brasiliane al carnevale di Rio, voi semplicemente a Caio riservate un bel sguardo malizioso, se stanno attaccate a Semprionio come le cozze sugli scogli voi a quest’ultimo regalate un sorriso, alzate il vostro calice o cocktail e brindate da lontano.

Se le altre accelerano, voi frenate; loro competono in una gara di velocità che presto finirà, la vostra invece è una gara di resistenza che richiede più tempo ma perdura nel tempo.

Io vi ho dato qualche dritta… il resto tocca a voi ma ricordate sempre una cosa: usate più la testa che il corpo!

In bocca al lupo ragazze!

Articoli correlati: