28 DICEMBRE - Cucina

“Provato per voi”: il panettone della Pasticceria Panzera a Milano

Scritto da:

Abbiamo provato per voi il panettone della Pasticceria Panzera a Milano

Abbiamo provato la Christmas edition della pasticceria Panzera a Milano.

Viale Monte Santo 10, Milano

Tel. 02-6597327

www.panzeramilano.com

 

TIPO DI CUCINA pasticceria tradizionale e panini gourmand

GIORNO DI CHIUSURA  sempre aperto, tranne il pomeriggio del 25 e del 26 dicembre e l’1 gennaio

FASCIA DI PREZZO Panettone di Milano: € 32/kg; panettone ai marron glacé: € 36/kg (variante per chi non ama i canditi)

 

Descrizione

In pieno periodo festivo, anche la rubrica “provato per voi” indossa il dolce abito da cerimonia e torna in versione Christmas edition. Sì, perché il lievitato meneghino, tra Natale e Capodanno, è un must. Abbiamo allora testato il panettone proposto dalla Pasticceria Panzera di Milano: una ricetta che si attiene alla tradizione e all’apposito disciplinare che ne regolamenta la tipica preparazione.

Qui, a due passi dai grattacieli di Porta Nuova, il “c’era una volta” incontra lo spirito contemporaneo e il panetùn è servito tutto l’anno, proposto anche a colazione. Gli ingredienti? Farina forte per rendere l’impasto più resistente ed elastico, lievito madre, uova, zucchero, burro, uvetta, canditi e una lievitazione naturale di 30 ore. Niente additivi né conservanti, ma una ricetta fedele a quella tramandata dal bisnonno Ampelio, dal 1910. Il risultato? Sapore classico, profumo di genuinità, impasto soffice e fragrante. “Per apprezzarlo pienamente – spiega il patron Lorenzo Panzera – il panettone va mangiato fresco. È per questo che va preparato al massimo venti giorni prima della degustazione, per chi lo preferisce un po’ riposato”. Per chi invece ama sentire l’umidità dell’impasto, il consiglio è di prenotare un lievitato “freschissimo”, che sia stato preparato tre o quattro giorni prima dell’assaggio. Il gusto morbido e aranciato, del resto, è la firma del Panettone Milano by Panzera. Il suo segreto? La presenza di canditi più grandi rispetto a quanto previsto dal disciplinare, che assicurano maggiore umidità e sentori più persistenti.

Articoli correlati: