fbpx
361News / Cucina

La crisi colpisce tutti: lo chef Filippo La Mantia chiude il suo ristorante

11 Febbraio 21 / Scritto da:

Lo aveva annunciato già nei mesi scorsi

Già nei mesi scorsi lo chef Filippo Lamantia aveva annunciato che avrebbe chiuso il suo ristorante milanese “Oste e Cuoco”(nato nel 2015) e situato in piazza Risorgimento.

Lo aveva detto: inizialmente aveva provato a rimanere aperto più per i suoi dipendenti poi a causa dei continui apri e chiudi ha invece preferito chiudere anche se a malincuore.

Il 31 dicembre il suo ristorante ha ufficialmente cessato l’attività; ma, fortunatamente lui ha continuato a cucinare, come racconta, grazie all’idea di una cucina condivisa.

Ha trovato infatti l’aiuto del collega e amico Giancarlo Morelli, chef bergamasco che gestisce il ristorante “Bulk” presso l’hotel “Viu” che gli ha “prestato” la sua cucina e una parte dei suoi strumenti per preparare piatti per delivery e asporto.

Grazie a questa idea ha anche potuto richiamare alcuni dei suoi dipendenti (purtroppo solo 4 su 20).

A fanpage.it ha spiegato: “È una formula coerente con i tempi. Entrambi lavoravamo a metà servizio, per cui abbiamo deciso di metterci insieme”.

Secondo i rumors poi il cuoco avrebbe già in mente di aprire di nuovo un ristorante magari con costi ridotti e non ne fa mistero sempre parlandone a Fanpage.it: ” Ho già ricevuto proposte da tantissimi quartieri, ma adesso non è assolutamente il momento giusto per riaprire. Bisogna aspettare le vaccinazioni, aspettare di poter partire almeno all’80 per cento”