tal-peleg-eyelid-art
03 GIUGNO - Make-up

La visual artist Tal Peleg usa il make up per realizzare delle piccole opere d’arte

Scritto da:

Attingendo all’immaginario pop, ma non solo, l’israeliana Tal Peleg usa le palpebre come tele dando vita a dei make up che sono vere e proprie illustrazioni

 

tal peleg eyelid art

 

Alcuni visual artist riescono a dar vita, con ombretti e pennelli, a un connubio molto stretto tra arte e make up. È questo il caso di Tal Peleg, che da anni sbalordisce realizzando dei trucchi per gli occhi stupefacenti, degni di un pittore. Siamo nel campo della Eyelid-art, nella quale le palpebre diventano vere e proprie tele per quelle che a conti fatti sono piccole opere d’arte. Tal Peleg è israeliana e vanta su Instagram 304mila follower, su Facebook 522.142 likes.

L’immaginario a cui la visual artist attinge è vario. Va dai maestri della pittura alla cultura pop, tra personaggi Disney, serie tv e film più o meno recenti (dalle pellicole anni ’80 a La La Land). Ma anche semplicemente tutto ciò che scatena la sua fantasia. Come animali e unicorni, o temi più seri come il bullismo. Colori sgargianti e un’estrema precisione nella riproduzione dei soggetti sono i suoi marchi di fabbrica.

Leggi anche: Quadri famosi sulle palpebre: quando l’arte viene riprodotta con il make up

 

tal peleg eyelid art

 

«Trovo che l’occhio sia una tela molto interessante e impegnativa» ha raccontato Tal Peleg. L’iter da lei seguito prevede che le illustrazioni vengano prima disegnate su carta, poi improvvisate mentre sono riprodotte sull’occhio. Di quest’ultimo vengono tenute in conto la forma e le curve naturali. Tempo e pazienza sono indispensabili per portare a compimento questi elaborati make up, che possono richiedere ore di lavoro.

Il più lungo da realizzare? Il design de La principessa sul pisello, che le ha richiesto ben 4 ore e mezzo! Il suo preferito? Il gatto nero che gioca col gomitolo. «È piuttosto semplice e non molto dettagliato, ma l’idea è abbastanza creativa. Inoltre, è stato ispirato dal mio amato gatto Louis, che non c’è più, quindi vi sono legata sentimentalmente».

 

tal peleg eyelid art

 

tal peleg eyelid art

 

tal peleg eyelid art

 

tal peleg eyelid art

 

tal peleg eyelid art

 

tal peleg eyelid art

 

tal peleg eyelid art

 

tal peleg eyelid art

 

tal peleg eyelid art

 

tal peleg eyelid art

 

tal peleg eyelid art

 

tal peleg eyelid art

 

tal peleg eyelid art

 

Articoli correlati: