plumes
06 MAGGIO - Make-up

“Plumes lash & brow” raccontato attraverso lo sguardo attento di chi lo ha ideato

Scritto da:

Un centro dedicato esclusivamente a ciglia e sopracciglia, un’idea innovativa che unisce professionalità, qualità e comfort

 

“Gli occhi sono l’unico luogo dove, forse, ancora esiste un’anima”

 

Proprio questa è l’idea che si cela dietro “Plumes”. Non è un centro estetico, né beauty, si tratta di un caso singolare che nasce proprio dalla constatazione dell’assenza di un brand dedicato esclusivamente a ciglia e sopracciglia. Affonda le sue radici nel gusto minimal chic, nel classico e nel vintage, l’ambiente è ricercato, sofisticato, rilassante e rispecchia proprio la clientela.
Dopo la prima versione basic realizzata a Milano (Via Clusone,1) ora Plumes è anche a Roma (Via Ruggero Fauro 29) e nei progetti futuri c’è anche l’estero. Abbiamo chiesto alle sue giovani ideatrici Claudia e Giorgia Milia com’è nata l’idea di un centro dedicato esclusivamente a lash & brow, e ci hanno dettagliatamente spiegato uno dei trattamenti più in voga: l’extension delle ciglia.

 

“Il progetto nasce da una mia idea di qualche anno fa, in particolare da un viaggio in Asia– inizia Claudia- sono sempre stata appassionata di ciglia e sopracciglia e quando sono rientrata in Italia ci ho lavorato un annetto. L’idea iniziale era quella di ricreare un concept altamente qualificato e specializzato solo in questa parte del viso, quindi qualcosa diverso dall’estetica classica. Quasi tutto il personale che abbiamo selezionato proveniva dal mondo make-up, si tratta di truccatrici e non estetiste. Abbiamo poi aggiunto il make-up ma il core business resta lash & brow, perché era una parte poco valorizzata soprattutto in Europa e ancor di più in Italia. Poi io non sono una che si trucca tanto, ma non esco senza il mascara e le sopracciglia definite. Da lì è nato il progetto, ho messo un po’ del mio gusto e poi mi ha supportato Giorgia con il suo, ma non volevamo un centro estetico classico. Volevamo un ambiente minimal, molto neutro, che potesse attirare sia un pubblico maschile che femminile. Abbiamo creato una realtà ibrida unendo tutte le cose che ci piacevano per creare un ambiente caldo, che facesse anche da ritrovo per le clienti. Per loro deve essere un momento di relax”.

 

 

Vi rivolgete a un tipo di donna in particolare?

“Nel nostro ideale di donna c’è una donna metropolitana, molto impegnata, che ha poco tempo per prendersi cura di sé e che facendo quelle poche cose riesce ad essere in ordine, ad avere una bella presenza, senza essere eccessiva. Così è nato il primo negozio in Via Clusone, a Milano. Ma l’idea è di creare una catena italiana e non, ecco perché per il nome abbiamo scelto “Plumes”: è un nome che si può leggere in tante lingue, dall’inglese al francese fino allo spagnolo, richiama l’internazionalità. Ora siamo partite con il secondo negozio a Roma e poi vedremo. Proprio qui abbiamo creato un vero e proprio concept store dove il focus resta sul beauty occhi, ma accanto affianchiamo altre realtà o dal mondo fashion o dal design che sposino un po’ il nostro gusto. Al centro non c’è tanto quello che compriamo ma la nostra cliente tipo. Una cliente che ama pezzi vintage e che può vivere un’esperienza a 360°”.

Parliamo del trattamento che riguarda l’extension ciglia. Ne esiste solo uno?

“L’extension ciglia è uno dei trattamenti per le ciglia che offriamo e si divide in due grandi tipologie: allungamento e infoltimento. Nel primo si lavora di più sulla lunghezza, nel secondo sul volume. Con l’infoltimento si può avere anche l’allungamento, non vale il contrario”.

Quante ciglia si applicano e quanto durano?

“Non c’è un numero preciso, dipende dalla base di partenza della cliente. E, soprattutto, dipende da quante ciglia in salute ha, perché si applica solo su quelle in salute. Utilizziamo una colla cosmetica specifica per ogni tipo di pelle. La durata dipende dal ciclo di vita medio delle ciglia naturali, perché le extension cadono quando cadono le ciglia naturali, perché proprio come i capelli cadono, anche se raramente ce ne accorgiamo. Mediamente il trattamento va ritoccato una volta al mese. La durata varia dalle 2 alle 4 settimane, dipende anche dallo stile di vita che si conduce e dall’effetto voluto”.

Per struccarsi?

“L’importante è non usare prodotto oleosi, noi consigliamo l’acqua micellare o uno struccante apposito come quello che utilizziamo in salone. L’ideale sarebbe non truccare la zona occhi o usare prodotti specifici per le extension”.

 

plumes

“Un luogo dove lo sguardo si scopre, si racconta, si segna, si disegna”

 

 

 

Per info: www.plumes.it 
info@plumes.it

 

 

 

Articoli correlati: