fbpx
07 OTTOBRE - Beauty

Acne e discromie cutanee: De Lellis si fa portavoce di un messaggio importante

Scritto da:

La lotta all’acne dell’influencer

Devo capire cosa succede alla mia pelle! Non bisogna trascurare nulla, soprattutto ció che non siamo in grado di monitorare”

Giulia De Lellis continua a cercare la causa (la cura) ai suoi problemi di acne e discromie cutanee. Una pelle segnata da una problematica comune a tante giovani ragazze che, sin da piccole, accusano il disagio di cicatrici, solchi e fastidiosi comedoni, tutt’altro che semplici da gestire.

In età adolescenziale è più che normale soffrire di acne e impurità e, generalmente, le cause sono di tipo ormonale. Crescendo la problematica tende a sparire, ma non in tutti casi!

“Una tragedia!” Giulia non riesce a combattere questa patologia. La aiutiamo noi!

Ci siamo rivolti a più di un esperto per capire, in sintesi, quali possono essere le cause di un acne “importante”, una volta superato il periodo adolescenziale e, soprattutto, quali sono le cure più efficaci.

Cosa è e cosa scatena davvero l’acne

L’acne è una malattia che, in medicina, viene chiamata Acne vulgaris ed è il disturbo più comune tra i giovani. Anche gli adulti possono soffrirne, e in questo caso si parla della cosiddetta “acne tardiva”, che è quella di cui ci occupiamo oggi.

Iniziamo col dire che il vero responsabile dell’acne è un agente batterico chiamato P. acnes, legato principalmente ad una eccessiva produzione di sebo della pelle.

Questa combinazione di fattori genera un’infiammazione che può essere di tipo blando (punti neri e brufoletti) o di tipo patologico (pustole, solchi, brufoli estesi evidenti o sotto pelle).

Le Cure degli esperti

Il laser frazionato CO2 e la Lipostrutturazione (chirurgica) del Dott. Mauro Barone

“Per il trattamento delle cicatrici esito di acne, il primo passo è una diagnosi corretta eseguita dopo una prima visita. Le cicatrici – spiega il Dott Barone – non sono tutte uguali e vanno suddivise in 3 tipologie: icepick, rolling e boxcar.

“In base al tipo di cicatrice diagnosticata e alla sua diffusione, si sceglie la procedura più adatta e che porti al migliore risultato possibile. Per il tipo icepick il laser frazionato CO2 ha effetto portando al sollevamento delle cicatrici. Il trattamento laser va eseguito per due volte a distanza di 30 giorni l’una dall’altra”.

View this post on Instagram

👨🏻‍⚕️ Lo sapevate che le cicatrici causate dall’acne possono avere varie forme? Esiste la cosiddetta “rolling”, la “boxcar“ e quella chiamata “icepick”. Questi tre tipi di cicatrici possono essere risolti con trattamenti diversi tra loro . 👉🏻 Vi mostro il caso di una giovane paziente con cicatrici icepick. Che ne pensate del risultato dopo solo una sola seduta di laser frazionato CO2? Ho stimolato la rigenerazione dermica e levigato le cicatrici per rendere più regolare e luminosa la cute. . 📩 Per maggiori informazioni potete contattarmi al numero 3490548553 o al mio indirizzo e-mail info@drmaurobarone.it . #ChirurgiaPlastica #Roma #Avezzano #Messina #Laserterapia #deka #laserco2 #chirurgiaplasticaroma #chirurgiaesteticaroma #medicinaesteticaroma #chirurgiaplasticamessina #chirurgiaplasticaavezzano #chirurgiaesteticamessina #chirurgiaesteticaavezzano #medicinaesteticamessina #medicinaesteticaavezzano #drmaurobarone #chirurgoplastico #drmaurobarone #medicinarigenerativa #acne

A post shared by Mauro Barone (@drmaurobarone) on

“Per le rolling e le boxcar, invece, è utile eseguire una lipostrutturazione e successivamente due sedute di laser frazionato. La lipostrutturazione è una tecnica chirurgica che consiste nel prelevare del tessuto adiposo da altri parti del corpo (come cosce, addome o fianchi) e di inserirlo con delle cannule molto piccole nelle zone con gli esiti cicatriziali”.

View this post on Instagram

👨🏻‍⚕️Non tutti sanno che le pelli affette da acne dovrebbero prestare la massima attenzione durante l’esposizione solare. Molto spesso si pensa che il sole risolva il problema ma in realtà aumenta la possibilità di macchie cutanee e fotoinvecchiamento. . 🙍🏻‍♀️Questa paziente ha sofferto di acne quando era molto giovane e ha preso il sole senza protezione subendo  di conseguenza un fotoinvecchiamento precoce. . 💉 Si è quindi sottoposta ad una #blefaroplastica superiore e #lipostrutturazione del volto con enormi benefici. Che ne pensate del risultato? . 📩 Per maggiori informazioni potete contattarmi al numero 3490548553 oppure al mio indirizzo e-mail info@drmaurobarone.it . #ChirurgiaPlastica #Roma #Avezzano #Messina #Laserterapia #deka #laserco2 #chirurgiaplasticaroma #chirurgiaesteticaroma #medicinaesteticaroma #chirurgiaplasticamessina #chirurgiaplasticaavezzano #chirurgiaesteticamessina #chirurgiaesteticaavezzano #medicinaesteticamessina #medicinaesteticaavezzano #drmaurobarone #chirurgoplastico #drmaurobarone #medicinarigenerativa #nanofat #chirurgoestetico

A post shared by Mauro Barone (@drmaurobarone) on

In tutti i casi, è importante sottolineare che la pelle trattata per gli esiti cicatriziali deve essere sempre fotoprotetta sia in estate che in inverno

La terapia fotodinamica o PDT de La Clinique of Switzerland

Se, in passato, l’uso di antibiotici per via orale sembrava essere la soluzione migliore, oggi è la terapia terapia fotodinamica o PDT la nuova metodica in grado di sconfiggere l’acne, tardiva e non!

La clinica La Clinique Of Switzerland, specializzata in chirurgia, trattamenti estetici mirati e cure mediche di bellezza, spiega, step by step, come si effettua questa innovativa terapia e quali sono i risultati nel tempo.

“La terapia fotodinamica o PDT Si effettua combinando l’uso dell’acido aminolevulinico (5-ALA) con una sorgente di luce intensa blu/rossa. L’acido aminolevulinico, preparato in crema o in forma liquida, è applicato sull’area da trattare per un periodo variabile da 15 minuti ad un’ora”.

“Trascorso questo tempo, la pelle è irradiata con una luce intensa, di una particolare lunghezza d’onda, per un periodo variabile da uno a circa venti minuti. Durante la terapia il paziente può avvertire un leggero pizzicore, che scompare al termine di questa. E’ possibile e normale, che la parte trattata sia più rossa ed un po’ gonfia”.

“Tali effetti normalmente vanno diminuendo e scomparendo nel giro di qualche giorno. Sarà inoltre possibile avere una leggera esfoliazione cutanea, come dopo un peeling. Al termine della seduta è possibile applicare creme emollienti, lenitive ed idratanti”.

“Il Protocollo di trattamento di Terapia Fotodinamica Acne prevede da 3 a 5 sedute da effettuarsi ogni 10 gg. e il suo costo varia a seconda della zona in cui viene effettuato”.

View this post on Instagram

L'ACNE RAPPRESENTA UN PROBLEMA NON SOLO ESTETICO MA, SPESSO, ANCHE SOCIALE. Il nuovo trattamento di TERAPIA FOTODINAMICA PDT prevede l'utilizzo di un NUOVO FARMACO A BASE DI AGENTI FOTOSENSIBILIZZANTI che, normalmente, IN SOLO 2 SEDUTE RIDUCONO DEL 70/80% IL PROBLEMA ACNE. Nella foto i risultati dopo solo 2 sedute. Chiama per maggiori informazioni al +41 (0)91 922 73 13 (per chi chiama dalla Svizzera) +39 328 769 00 73 (per chi chiama dall'Italia) o manda una mail a info@lacliniqueofswitzerland.ch #lacliniqueofswitzerland #lacliniqueofswitzerlandmilano #lacliniqueofswitzerlandtorino #acne #acnetreatment #acneproblems #acneremoval #acnecommunity #acnefree #acnehelp #chirurgiaplastica #chirurgiaestetica #chirurgoplastico #chirurgoestetico #medicinaestetica #trattamentiacne #acnemilano #acnetorino #acnelugano #akne #aknebehandlung #terapiafotodinamica #alafast #ala5 #photodynamischetherapie

A post shared by LaCLINIQUE of Switzerland® (@lacliniqueofswitzerland) on

Articoli correlati: