fbpx
361News

Sarà impiccato il medico iraniano che ha lavorato in Italia

25 Maggio 22 / Scritto da:

Sarà impiccato il medico iraniano che ha lavorato in Italia

Sarà impiccato il medico iraniano che ha lavorato in Italia. Ahmadreza Djalali è accusato di essere una spia di Israele

Ahmadreza Djalali è il medico iraniano, con passaporto iraniano e svedese, condannato a morte e a pagare una multa di 200mila euro, perché considerato una spia per Israele nel 2000. L’avvocato del medico aveva chiesto e ottenuto il rinvio dell’esecuzione della condanna, prevista per lo scorso 21 maggio. Oggi, tuttavia, è arrivata la notizia che la sentenza è stata confermata in appello e sarà portata a compimento “a tempo debito”.

Inoltre, secondo quanto riportato da Today.it “la magistratura iraniana ha escluso l’ipotesi secondo cui, per via della sua doppia nazionalità iraniana e svedese, Djalali potrebbe essere scambiato con un detenuto iraniano”: “Non c’è alcun piano per scambiare Nouri con Djalali e quest’ultimo verrà giustiziato a tempo debito”.

Leggi anche: VACCINI COVID IN FORMATO SPRAY NASALE. A CHE PUNTO È LA SPERIMENTAZIONE?

Il medico, 50 anni, “è scienziato, docente e ricercatore in medicina dei disastri e assistenza umanitaria”. Ha lavorato in Svezia e in Italia presso l’università degli studi del Piemonte orientale, a Novara, e in Belgio, a Bruxelles. La condanna a morte arriva dopo quello che è stato definito “un processo-farsa davanti alla sezione 15 della corte rivoluzionaria di Teheran”.

Secondo quanto riferito dai suoi avvocati, il tribunale non ha fornito alcuna prova per giustificare le accuse e il giudice non ha fornito una copia del verdetto.

Fonte immagine: https://twitter.com/mmattingly11/status/1529154811739811840/photo/1