fbpx
361News / Evidenza / People

Rocco Casalino da Lilli Gruber: “Ho fatto fatica ad accettare la mia omosessualità”

16 Febbraio 21 / Scritto da:

Rocco Casalino, discusso ex portavoce di Giuseppe Conte, si è quasi commosso durante la cerimonia della campanella quando c’è stato il passaggio di consegne tra il premier uscente e Mario Draghi.
Ora cosa farà? Questa è la domanda che gli pone Lili Gruber che lo ha ospitato durante la puntata di ieri sera, su La7, di “Otto e Mezzo”.Casalino non si sbilancia parla di offerte arrivate su vari fronti e anche su quello televisivo, un ambiente da cui “proviene” ma che rappresenta quasi una macchia nel suo passato (per la partecipazione al “Grande Fratello Vip”).

Il fatto che usino sempre la mia esperienza al Grande Fratello per attaccarmi mi ferisce, perché ho partecipato al reality 20 anni fa. Se avessi ucciso qualcuno 20 anni fa, avrei già scontato la pena. Mi fa molto sorridere che mi venga attribuito questo marchio come se fosse indelebile. Ho fatto anche altre migliaia di cose ma pare che io sia solo quella roba lì. Non ci posso fare nulla.

Leggi anche: Governo, ora cosa farà Giuseppe Conte?

Su cosa farà invece Conte spiega: “Non sarebbe male se ci fosse un intreccio tra il M5S e Conte, è una mia opinione. Gliel’ho detto? Sì, con una certa insistenza. E’ uscito da Palazzo Chigi due giorni fa, ho visto una commozione che a detta dei commessi non c’era stata in passato. Conte ha questo dono, arriva al cuore delle persone. Conte ha alcune peculiarità che lo rendono diverso da tutti i gli altri leader. Non credo che gli italiani lo dimenticheranno presto, ma penso che debba decidere presto cosa fare. Ma lui invece ha le sue strategie e credo che adesso torni a Firenze a insegnare”.

Conte è infatti professore di diritto ordinario presso l’Università del capoluogo fiorentino, dove, sembra tornerà a insegnare.

Non manca poi anche un commento sulla sua vita personale: “L’omosessualità è stato sempre un problema, ci ho messo molti anni per accettarlo. Fino a 32 anni non accettavo la mia omosessualità, e ancora oggi faccio fatica”.
Argomento toccato e che ha fatto discutere anche nel suo libro in cui ha scritto che se ci fosse una pillola per diventare etero l’avrebbe presa.
Libro che alla fine, nonostante vari rimandi a causa della crisi di Governo è uscito e farà discutere.