fbpx
361News / Evidenza

Riccione, due sorelle investite dal treno. Il racconto dei testimoni

01 Agosto 22 / Scritto da:

Riccione, due sorelle investite dal treno. Il racconto dei testimoni

Riccione, due sorelle investite dal treno. Il racconto dei testimoni e le possibili cause che hanno causato la tragedia

Si chiamavano Alessia e Giulia Pisanu, le due sorelle di 15 e 17 anni morte dopo essere state investite da un treno dell’alta velocità presso la stazione di Rimini.

Le due ragazze, residenti a Castenaso in provincia di Bologna, verso le 7 del mattino di ieri, domenica 31 luglio, si trovavano presso la stazione di Rimini avvistate da diverse persone che hanno assistito al tragico incidente. La dinamica dell’incidente non è ancora stata definita con certezza, poiché non è facile capire se si sia trattato di un tentativo di suicidio di una delle giovani con il tentativo di salvataggio dell’altra, di un litigio tra le due o di altro ancora.

Sono al vaglio degli inquirenti le immagini delle telecamere di sorveglianza che potrebbero chiarire molti dubbi. Inoltre, fondamentali sono le testimonianze di chi ha assistito al tragico evento. Un testimone ha detto al Corriere di Bologna: «Ho visto le due persone che volevano andare nel secondo binario, perché c’era il treno fermo per Ancona. Allora mi sono messo a urlare e dietro di me si sono messe a urlare altre persone che aspettavano per prendere il treno. Tra le urla ho sentito il fischio del treno del primo binario, che andava verso Milano, sono sicuro fosse una Frecciarossa. Ho sentito un gran botto, non ho capito più niente, tutta la gente si è messa a urlare».

Leggi anche: INCIDENTE STRADALE PER MARCO TRAVAGLIO, ECCO COSA È ACCADUTO

Di una delle due ragazze il teste ha detto: «Non mi sembrava in sé». Inoltre, il testimone ha raccontato: «Stamattina alle 6.30-6.40 ero al distributore delle bibite quando mi si avvicina una bellissima ragazza, tutta vestita di nero, che mi chiede qualcosa, ma ho capito che non era in sé. Mi ha detto che le avevano rubato il telefonino e non aveva più niente. Poi si è allontanata di un metro o due e si è incontrata con una sua amica. Questa sua amica l’ho vista di spalle, aveva uno spolverino verde e due stivali in mano, neri. Non so per quale motivo li aveva tolti».

Fonte immagine: https://twitter.com/vigilidelfuoco/status/1553663746148548608/photo/1