fbpx
361News

Rapimento Eitan, parla la nonna: “le sue condizioni sono pessime”

14 Settembre 21 / Scritto da:

Rapimento Eitan, parla la nonna le sue condizioni sono pessime

Rapimento Eitan, parla la nonna indagata per complicità insieme all’ex marito: “le sue condizioni sono pessime”

Diventa sempre più difficile la situazione del piccolo Eitan, rapito dal nonno e portato in Israele contro quanto stabilito dal Tribunale dei minori di Pavia. A due giorni da quello che assume sempre di più i contorni di un rapimento, apprendiamo che anche la nonna del bambino è indagata. La donna, ev moglie di Shmuel Peleg, avrebbe agito in accordo con l’uomo per sottrarre Eitan alla zia materna e portarlo via dall’Italia.

Il Corriere della Sera riporta la dichiarazione della nonna paterna, secondo cui: “Le condizioni di Eitan sono pessime, ora finalmente, dopo quattro mesi, i medici vedranno cosa gli è accaduto. In tutto questo tempo non ha visto alcun medico. Per quattro mesi hanno impedito a me e a Shmuel di consultarci con medici e psicologi“.

Leggi anche: A “QUARTA REPUBBLICA” LA TESTIMONIANZA DELLO ZIO DI EITAN

La testimonianza dello zio del bambino, Or Nirko, marito della legale tutrice, allunga ancora di più le ombre sul ruolo dei nonni. oltre a rifiutarsi di comunicare il luogo dove attualmente si trova Eitan, ha dichiarato che «La famiglia Peleg detiene Eitan come i prigionieri nella prigione di Hamas» e aggiunge che «Lo nascondono in una specie di buco». Inoltre, ha riferito che è stata anche verificata la presenza del bambino in ospedale, dice lo zio: «C’è andato il fratello di mia moglie ma Eitan non c’è. Purtroppo non siamo rimasti sorpresi da questo rapimento, avevamo molta paura che accadesse».

Anche Luigi Di Maio è intervenuto sulla questione, affermando che si stanno “effettuando verifiche per accertare quanto accaduto per poi intervenire”.

Fonte immagine: https://twitter.com/myrtamerlino/status/1437707627027472390/photo/1

Tag:,