fbpx
361News

Putin minaccia l’Occidente annunciando una nuova mobilitazione

21 Settembre 22 / Scritto da:

Putin minaccia l'Occidente annunciando una nuova mobilitazione

Putin minaccia l’Occidente annunciando una nuova mobilitazione e un referendum per l’annessione delle regioni del Sud alla Russia

C’era attesa per il discorso di Vladimir Putin alla nazione russa. Puntuale Putin si è rivolto alla nazione parlando del conflitto in Ucraina e delle prossime mosse verso l’Europa: “lo scopo dell’Occidente è indebolire, dividere e distruggere la Russia“, ha detto Putin, aggiungendo che “Le élite occidentali vogliono mantenere il loro dominio a livello internazionale – ha proseguito -. La decisione di avviare l’operazione militare speciale in Ucraina è stata inevitabile e le Repubbliche popolari del Donbass sono state quasi totalmente liberate dai neonazisti”.

Poi il capo del Cremlino ha annunciato una nuova mobilitazione parziale: “Solo i cittadini della riserva saranno soggetti a convocazione”. A tal proposito ha detto Putin: “Ho già dato istruzioni al governo e al ministero della Difesa di determinare in pieno e il prima possibile lo status giuridico dei volontari, nonché dei combattenti delle unità delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Dovrebbe essere lo stesso di quello del personale militare regolare dell’esercito russo, compreso il materiale, la sicurezza medica, le garanzie sociali”.

Leggi anche: ALLUVIONE MARCHE, RITROVATE ANCHE LA SCARPE DEL PICCOLO MATTIA

“Nella sua aggressiva politica anti-russa, l’Occidente ha superato ogni limite”, per questo Putin è disposto ad usare “tutti i mezzi a nostra disposizione” e che coloro che usano “il ricatto nucleare contro la Russia scopriranno che le carte in tavola possono essere rivoltate contro di loro. Non sto bluffando”.

La guerra continua e su questo Putin afferma: “Non possiamo né abbiamo il diritto morale di abbandonare le persone a noi vicine, non possiamo non rispondere alla loro sincera aspirazione a decidere”. Il Donbass e le amministrazioni di Zaporizhzhia e Kherson “hanno deciso di indire dei referendum sul futuro del loro destino e hanno richiesto il sostegno della Russia, hanno il sostegno di Mosca e faremo di tutto per garantire uno svolgimento tranquillo dei referendum“.

Fonte immagine: https://twitter.com/My_EventHorizon/status/1572472505251790848/photo/1