fbpx
361News / Evidenza

Morte Piero Angela, camera ardente in Campidoglio e funerali laici

14 Agosto 22 / Scritto da:

Morte Piero Angela, camera ardente in Campidoglio e funerali laici

Morte Piero Angela, camera ardente in Campidoglio e funerali laici. I messaggi di Dario Franceschini e del presidente Mattarella

La morte di Piero Angela ha commosso non solo il mondo istituzionale e della televisione, ma l’intera popolazione. Come conduttore di importanti programmi televisivi, Piero Angela era entrato nelle case di tutti gli italiani.

Per questo motivo e per il valore culturale e scientifico del suo lavoro, per lui sarà allestita la camera ardente in Campidoglio il prossimi 16 agosto, dalle ore 11.30. A seguire è previsto il funerale laico.

Nel 2004 è stato insignito del titolo di Grande Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana, mentre nel 2021 del titolo di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Leggi anche: PIERO ANGELA È MORTO, L’ANNUNCIO DEL FIGLIO ALBERTO

Il ministro della Cultura, Dario Franceschini, ha ricordato Piero Angela: “Un grande divulgatore, un uomo di scienza e di cultura che, sfruttando le possibilità del servizio pubblico televisivo, ha permesso a intere generazioni di italiani di avvicinarsi alla scienza e comprenderne i segreti. Un grande italiano, un uomo elegante e rigoroso capace di trasmettere il piacere della scoperta e della conoscenza. Mi stringo al dolore del figlio Alberto e di tutta la famiglia in questa triste giornata”.

Anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha diffuso un suo messaggio di cordoglio: “Provo grande dolore per la morte di Piero Angela, intellettuale raffinato, giornalista e scrittore che ha segnato in misura indimenticabile la storia della televisione in Italia, avvicinando fasce sempre più ampie di pubblico al mondo della cultura e della scienza, promuovendone la diffusione in modo autorevole e coinvolgente. Esprimo le mie condoglianze più sentite e la mia vicinanza alla sua famiglia, sottolineando che scompare un grande italiano cui la Repubblica è riconoscente”.

Fonte immagine: https://www.quirinale.it/