fbpx
361News / Evidenza

La Russia avvia la mobilitazione, ma nel Paese scoppiano le proteste

22 Settembre 22 / Scritto da:

Russia avvia la mobilitazione, ma nel Paese scoppiano le proteste

La Russia avvia la mobilitazione, ma nel Paese scoppiano le proteste. Intanto Zelensky elenca cinque condizioni per la pace

Dopo l’ultimo discorso alla Nazione, Vladimir Putin ha annunciato la mobilitazione di nuovi uomini da inviare al fronte ucraino. La decisione del leader del Cremlino non è piaciuta al popolo russo, che non è rimasto con le mani in mano, ma è sceso in piazza per protestare.

Di risposta il Cremlino ha reagito con l’arresto dei manifestanti. Secondo quanto riportano i media, gli arresti sono arrivati a mille. Oltre alle proteste, si registra anche un esodo di massa. In poche ore dal discorso pronunciato da Putin, sarebbero andati sold out tutti i voli internazionali.

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken sulla mobilitazione ha detto essere un segno di debolezza della Russi e che “riflette le difficoltà del Cremlino sul terreno di battaglia, l’impopolarità della guerra e la riluttanza dei russi a combatterla”.

Leggi anche: PUTIN MINACCIA L’OCCIDENTE ANNUNCIANDO UNA NUOVA MOBILITAZIONE

Dunque, mentre la Russia si starebbe riorganizzando senza mostrare la volontà di trovare la pace, proprio il presidente ucraino Zelensky ha parlato di colloqui di pace: “L’Ucraina è pronta a colloqui di pace ma solo per una pace vera, onesta e giusta”. Sarebbero cinque i punti su cui si basa la pace proposta da Zelensky: la punizione dell’aggressione, la protezione della vita, il ripristino della sicurezza e dell’integrità territoriale, garanzie di sicurezza, determinazione a difendersi.

Fonte immagine: https://twitter.com/RosaBiancaBooks/status/1572828862408691713/photo/1