fbpx
361News / Evidenza / Televisione

Fiammetta Borsellino a “Che Tempo che fa”: le sue parole per ricordare

23 Maggio 22 / Scritto da:

Fiammetta Borsellino ieri sera è stata ospite a Che tempo che fa: le sue parole sulla strage di Capaci e di via D’Amelio

Oggi è il trentennale della morte del giudice Giovanni Falcone. Proprio ieri sera a Che tempo che fa è stata ospite Fiammetta Borsellino, figlia del giudice Paolo Borsellino, ucciso in via D’Amelio a 57 giorni di distanza dall’amico e collega Falcone.

Che cosa vuol dire ricordare e qual è il senso del ricordare? Ha chiesto Fabio Fazio a Fiammetta Borsellino.

“Ricordare vuol dire riappropriarsi delle testimonianze di vita di determinati uomini affinché diventino patrimonio di tutti noi, lo dico sempre ai ragazzi perché costituiscano un faro per il nostro avvenire. Solo così la vita può avere una prevalenza sulla morte. Ricordare non può essere una mera celebrazione, non può essere una santificazione perenne, quando ciò accade diventa retorica, un oppio, e svia dai problemi. La memoria non può essere disgiunta dalla ricerca verità. In questi anni abbiamo assistito a tantissime celebrazioni ma il diritto alla verità su queste terribili vicende, che io definisco una ferita collettiva, non individuale, è stato totalmente calpestato attraverso percorsi voluti e depistaggi”.

La verità disattesa, spiega la Borsellino: “parte innanzitutto in quei 57 giorni che intercorrono tra la strage di Capaci e quella di via D’Amelio. Lì inizia il depistaggio perché a mio padre fu impedito di riferire quello che stava facendo anche in riferimento a delle indagini sulla morte di Falcone. Lui chiese alla Procura di Caltanissetta di essere sentito ma non lo vollero mai ascoltare, tant’è che al famoso discorso alla Biblioteca Comunale di giugno in un atto di disperazione si mise in pericolo dicendo di sapere ma che avrebbe riferito solamente alle autorità giudiziarie. Fu gettato in una solitudine assoluta, che poi è l’origine della maggiore esposizione al pericolo: tutti coloro che sono morti in quegli anni, sono morti sicuramente per mano mafiosa ma principalmente perché lo Stato italiano non è stato in grado di difendere i suoi uomini migliori”. E continua: “nei minuti successivi alla strage di via D’Amelio, quando non viene attuata nessuna forma di tutela per quel luogo, tanto da permettere alla “mandria di bufali” di cancellare qualsiasi prova, grazie anche al comportamento inadeguato di addetti ai lavori che maneggiarono la borsa senza accertarsi del contenuto e della persona a cui andava consegnata. Dopo di questo abbiamo una serie di indagini e processi condotti violando le norme del codice, in quegli anni duranti i processi non furono fatte verbalizzazioni di sopralluoghi importantissimi da cui si poteva immediatamente evincere l’inattendibilità del falso pentito Scarantino, il “pupo” scelto per auto-accusarsi di questa strage nonostante le evidenze che fosse assolutamente inattendibili”.

“Mio padre non fu mai avvisato nemmeno dell’arrivo del tritolo dal procuratore capo di allora, Giammanco, che non fu mai sentito dalla procura di Caltanissetta. Procura che fu totalmente inadeguata perché fatta da magistrati alle prime armi, che, come hanno poi dichiarato, prima di allora non si erano mai occupati di mafia”, aggiunge Borsellino. “Nessun uomo dotato di una minima intelligenza – sottolinea Fiammetta Borsellino – crederà che un depistaggio, definito come il più grave della Repubblica Italiana, sia stato compiuto da un manipolo di poliziotti. La sentenza del processo Borsellino-quater, che sancisce quello di via D’Amelio come il depistaggio e l’errore più grave della storia, dice che Scarantino è stato indotto a dire il falso da coloro che lo gestivano. Coloro che lo gestivano sono sicuramente investigatori ma, come sappiamo tutti, sono controllati e coordinati dai magistrati. A questo impianto così grave, queste gravissime anomalie che hanno caratterizzato le indagini e i processi, non ha fatto seguito nessun accertamento di responsabilità nei confronti di coloro che ne sono stati attori, né nei confronti del Csm, né da parte della Procura Generale della Corte di Cassazione”.

Fiammetta Borsellino prosegue: “ritengo offensiva la chiamata fattami qualche giorno fa dal procuratore generale della Corte di Cassazione che mi invitava a partecipare a un convegno dei super procuratori generali di Palermo: io dalla Procura Generale mi aspetto delle risposte, da tanto tempo, nonostante io e mia sorella abbiamo dato un grossissimo contributo in termini di audizioni e verbali. Non c’è stata mai alcuna restituzione e credo che questa di via D’Amelio e di tante altre stragi che hanno caratterizzato la storia del Paese sia una storia torbida, e lo Stato ha perso la possibilità di poter fare anche pulizia al proprio interno perché è evidente che la mafia non agisce da sola, e qui torniamo alle “menti raffinatissime” di cui parlava Giovanni Falcone che sicuramente sono rimaste nell’ombra e hanno avuto una convergenza di interessi affinché determinate stragi potessero essere portate a termine”.

Un depistaggio grossolano, così fu definito: “ha ottenuto il suo principale effetto che è stato il passare del tempo: il passare del tempo allontana la verità per lo sgretolamento delle prove, la morte dei testimoni. Non si può buttare però tutto “sui morti”: in questi anni ci sono stati i processi, potevano essere assunte testimonianze anche incentrate sulla collaborazione e invece io stessa a Caltanissetta, avendo partecipato a quest’ultimo processo, ho assistito a testimonianze di funzionari dello Stato piene di “non ricordo”. Questa è una cosa molto triste perché denota che l’omertà non è soltanto quella mafiosa ma c’è un’omertà istituzionale che è ben più grave”. (Qui il video)