fbpx
361News / Evidenza

Daniela Molinari lotta contro il tumore: la madre biologica decide di aiutarla

04 Maggio 21 / Scritto da:

Daniela Molinari potrà iniziare la terapia sperimentale per sconfiggere il tumore

Daniela Molinari e il tumore: la madre naturale dell’infermiera, di 48 anni, che ha un cancro, ha deciso di aiutarla e farà il prelievo per mappare la malattia genetica. La 48enne comasca aveva bisogno di ricostruire la sua mappa genetica per poter cominciare la terapia sperimentale. Così si era rivolta al tribunale dei minori, per trovare la madre naturale che la lasciò in orfanotrofio. In un primo momento la madre aveva detto di no, perché non voleva rivivere quel periodo brutto della sua vita.

Leggi anche–> Marco Vannini, Cassazione: confermate le condanne per i Ciontoli 

“Ho ricevuto una comunicazione dal Tribunale per i minorenni in cui si diceva che lei si sarebbe sottoposta al prelievo di sangue ieri, lunedì 3 maggio, mentre il mio è fissato per giovedì 6 maggio – spiega l’infermiera – Questo non è ovviamente un punto d’arrivo, ma di partenza. Ora inizia la scalata della terapia, ma dopo mesi di ricerche per trovare la donna che mi ha partorito questo è un primo importante traguardo”.

Daniela Molinari e il tumore: al via la terapia sperimentale

La terapia sperimentale è necessaria per Daniela visto che la malattia della donna resiste alle cure tradizionali. Daniela ha un tumore al seno poi esteso con metastasi ai linfonodi. E’ mamma di due figlie, una delle quali ha 9 anni.

“Lei ha il diritto all’anonimato e quindi ovviamente non conosco i dettagli della sua storia, ma mi hanno detto che finora non aveva accettato di farsi avanti per una duplice motivazione: innanzi tutto la gravidanza era maturata in un contesto molto problematico e doloroso e poi la sua attuale famiglia non sapeva nulla di quella parte del suo passato – spiega Molinari – Credo però non abbia retto alla pressione dei continui appelli che le ho rivolto tramite i giornali e le televisioni. Probabilmente ha capito che non mi sarei mai fermata e che per me il suo aiuto è davvero fondamentale”.