fbpx
361News

Ambasciatore italiano ucciso in Congo: chi era Luca Attanasio

22 Febbraio 21 / Scritto da:

L’uomo è rimasto ucciso in un attacco a un coniglio delle Nazioni Unite

Luca Attanasio, appena un anno fa aveva ricevuto il Premio Internazionale Nassiriya per la Pace per il suo impegno per mantenere rapporti pacifici tra i vari popoli.

Luca, 43 anni, è stato ucciso oggi durante l’attacco a un convoglio Onu in Congo, paese di cui era ambasciatore, tra l’altro era uno dei più giovani di sempre a ricoprire un ruolo così importante.

Dal 2017 era in missione in Congo dopo aver svolto vari ruoli nelle ambasciate di Svizzera, Marocco e  Nigeria.

Attanasiao era sposato con Zakia Seddiki (conosciuta in Marocco e da cui ha avuto tre figli) fondatrice  dell’associazione umanitaria “Mama Sofia” che agisce nelle aree più difficili del Congo con l’obiettivo di salvare la vita a bambini e giovani madri.

Nato a Milano si era laureato con lode all’Università di Milano Luigi Bocconi e aveva intrapreso poco dopo gli studi la carriera diplomatica. Come racconta “Il Messaggero” ha lavorato anche alla Farnesina e dove viene  assegnato alla direzione per gli Affari Economici, Ufficio sostegno alle imprese, poi alla segreteria della direzione generale per l’Africa. Successivamente è vice capo segreteria del sottosegretario di Stato con delega per l’Africa e la Cooperazione Internazionale (2004).

In seguito, all’estero diviene capo dell’Ufficio Economico e Commerciale presso l’Ambasciata d’Italia a Berna  e console generale reggente a Casablanca, Marocco. Nel 2013 torna a lavorare per la Farnesina e riceve l’incarico di Capo Segreteria della direzione generale per la mondializzazione e gli affari globali.

Poi l’Africa, prima in Nigeria poi appunto in Congo.

 Nell’attentato, che aveva per obiettivo proprio l’ambasciatore (almeno così sembra) è morto anche un carabiniere originario di Sonnino (Latina), Vittorio Iacovacci.

Come riporta Ansa, una fonte della Farnesina, spiega: “L’ambasciatore, è deceduto dopo essere stato ferito da colpi d’arma da fuoco all’addome ed è arrivato all’ospedale di Goma in condizioni critiche. Le forze armate del Congo stanno facendo il possibile per sapere chi siano gli autori dell’attacco”.