21 SETTEMBRE - People

La moglie del chitarrista dei Negramaro: «Sono certa che gli stia arrivando il vostro amore»

Scritto da:

Clio Evans ha rotto il silenzio su Instagram

È ricoverato in ospedale dal 17 settembre, Emanuele Spedicato, chitarrista dei Negramaro, vittima di una emorragia cerebrale. A trovarlo, privo di sensi, proprio la moglie Clio Evans che ha rotto il silenzio scrivendo un post su Instagram e ringraziando il sostegno ricevuto:

View this post on Instagram

Già due volte, per esperienze personali, la natura… il corso degli eventi mi hanno messa davanti all’ineluttabilità della vita. E alla consapevolezza della fragilità umana. Ma adesso è diverso perché lo STOP/PAUSE è accaduto alla persona più bella che io abbia mai conosciuto, al mio presente, al mio futuro. Al mio tutto. All’Amore in persona. Scrivo GRAZIE ad amici vicini e lontani, a sconosciuti e conoscenti, a stars e a fans per il sostegno, per le preghiere e per l’energia positiva che state dimostrando. Sono certa che in qualche modo gli stia arrivando quest’ondata di amore, incoraggiandolo a reagire ancora più forte. E conoscendolo, anche Lele vi ringrazierebbe con un abbraccio uno ad uno! #forzalele #forzaamoremio

A post shared by Clio Evans (@clioevansofficial) on

Già due volte, per esperienze personali, la natura… il corso degli eventi mi hanno messa davanti all’ineluttabilità della vita. E alla consapevolezza della fragilità umana. Ma adesso è diverso perché lo STOP/PAUSE è accaduto alla persona più bella che io abbia mai conosciuto, al mio presente, al mio futuro. Al mio tutto. All’Amore in persona.
Scrivo GRAZIE ad amici vicini e lontani, a sconosciuti e conoscenti, a stars e a fans per il sostegno, per le preghiere e per l’energia positiva che state dimostrando.
Sono certa che in qualche modo gli stia arrivando quest’ondata di amore, incoraggiandolo a reagire ancora più forte. E conoscendolo, anche Lele vi ringrazierebbe con un abbraccio uno ad uno!

Leggi anche: Negramaro, il chitarrista Emanuele Spedicato ricoverato in rianimazione

 

“Lele”, come lo chiamano tutti, si trova ricoverato all’ospedale Vito Fazzi di Lecce in condizioni stazionarie.

Articoli correlati: