01 MARZO - People

Andrea Pirlo e l’hobby del vino: «Voglio prodotti di qualità»

Scritto da:

L’ex calciatore della Nazionale ha parlato della sua attività vinicola

Il 21 maggio, Andrea Pirlo, ex giocatore di Inter, Juve e Milan darà definitivamente addio al calcio giocato e lo farà a San Siro con una partita d’addio.

Nel frattempo il centrocampista si sta dedicando anche alla sua attività di produttore di vini della “Pratum Coller” e il 28 febbraio al Just Cavalli (a Milano) ha presentato due nuovi vini.

Come è nata la tua passione per i vini?

È una passione che nasce dalla mia famiglia, abbiamo sempre avuto vigneti, però lo facevamo solo per uso familiare. Una decina di anni fa ho deciso di dedicarmici come hobby e ho iniziato un po’ il business.

Hai avuto tu per primo l’idea?

Pian piano ci siamo riuniti con mio papà e mio fratello e  abbiamo detto sì proviamoci…. prendiamo qualche vigneto in più e iniziamo!

Cheers 🍷

A post shared by Andrea Pirlo Official (@andreapirlo21) on

Dove pensi che ti possa portare questa avventura?

Non voglio che mi porti da nessuna parte, voglio solo che il vino sia buono e che venga riconosciuto come tale e non come il vino di Andrea Pirlo. Se il vino è buono rimane nel tempo mentre quello di Pirlo solo per un momento.

Il vino è legato alla tua città natale (Flero, ndr). Dopo tanti anni in giro per l’Italia e per il mondo, questa attività può in qualche modo riportarti a casa?

Sono sempre stato molto legato alla mia terra anche se ci vado poco e ci sono stato poco negli ultimi trent’anni. Sono però molto legato alla mia famiglia ed è così che è nato tutto…anche l’idea di portare il vino in giro per il mondo: è una cosa bella per il mio paese.

Che tipo di vino ci consiglieresti?

Sono tutti buoni (dice ridendo, ndr). A me piace molto il bianco, perché è un trebbiano di Lugano, è un vino che puoi bere tutto il giorno e ha un buon profumo sia al naso che in bocca.

La determinazione che ti ha contraddistinto nella carriera calcistica ti “accompagna” anche per questa avventura?

È un po’ più difficile perché il mondo del vino è un mondo un po’ più complicato, ci sono tantissime etichette: è un hobby, una passione che cerchiamo di portare avanti.

 

 

Articoli correlati: