Chiudi annuncio
05 DICEMBRE - Spettacoli

Daniele Bossari vince il ‘GF Vip 2’: i reality premiano le belle storie

Scritto da:

Ha colpito anche la storia di Luca Onestini, colpo di scena per Giulia De Lellis 

I reality, quelli veri, premiano le belle storie. Anzi proprio quando coltivano, puntata dopo puntata, le belle storie, che vengono poi inevitabilmente premiate dal pubblico-votante, fanno il pieno d’ascolti. È stato così anche (e soprattutto) con il Gf Vip 2, terminato con il trionfo, nei voti e nel gradimento dell’immagine lasciata, di Daniele Bossari. Uscito grazie a una ferrea volontà, a un’enorme tenacia e grazie all’Amore, quello vero, di chi lo Ama (la moglie e la figlia) dal tunnel della depressione, da una crescente apatia e abulia, che lo stavano distruggendo, Daniele ha commosso tutti con la sua storia semplice e disperata. Una storia da incorniciare, carica di pathos; una vicenda personale perfettamente comunicata dal protagonista, dai conduttori (bravissimi) e dagli autori: un caso paradigmatico di resurrezione dalle proprie ceneri, che tanto emoziona il pubblico, qualsiasi tipo di pubblico. E Bossari ha trionfato! Allo stesso modo ha trionfato all’Isola 2017 Raz Degan, che ha fatto della profondità filosofica e della meditazione la propria cifra comunicativa, stagliandosi in questo sul nulla che gli gravitava attorno; e con una storia altrettanto strappalacrime trionfò nell’Isola 2016 Giacobbe Fragomeni, un uomo di grande cuore, un eroe antico, che il pugilato riscattò dalla strada. Anche allora la sua storia venne comunicata, diluendola puntata dopo puntata, quasi come un “klìmax” (personalmente, partecipando a quell’edizione e rientrato dopo 6 puntate, mi adoperai molto per spingere il pubblico-votante ad apprezzare Fragomeni): e il gigante-buono trionfò! Trionfò, Fragomeni, su Jonas e Carta, i quali, non è che non avessero un vissuto personale (ci mancherebbe…), ma lo tennero nascosto, preferendo cavalcare la logica, meno impegnativa, del pettegolezzo e della rissa verbale.

Il suo è stato un percorso incredibile: ha sorriso, pianto, si è emozionato.. e non si è mai risparmiato… il vincitore di questo #GFVIP è Daniele Bossari!

A post shared by Grande Fratello (@grandefratellotv) on

 

Si è invece piegata a farsi bandiera di un’ignoranza smaccata (che magari poi non le appartiene, lo spero per lei) Giulia De Lellis: lo ha fatto, a tratti, con una strafottenza irritante, troppo sicura del presunto esercito delle sue “bimbe” (le ormai famose “puellae-mentula”: non sto a tradurre dal latino…), le quali però, come i soldati in una famosa poesia di Bertolt Brecht, dispongono di una testa e di un cuore e sul più bello l’hanno abbandonata. E hanno, verosimilmente, in larga parte sostenuto Bossari e Luca Onestini, un giovane perbene, come ce ne sono molti, con buoni studi e con valori solidi, a dimostrare come, ogni tanto, anche tronisti e corteggiatori possano essere ragazzi con ottima educazione e in grado di ricordarsi i nomi delle tre caravelle. E, se vogliamo, anche nel caso di Onestini ha colpito la storia, diversa da quella di Daniele, ma anch’essa coinvolgente. La storia di un bravo ragazzo, mollato dall’oggi col domani da una compagna, che evidentemente non lo capisce in nulla (comunque Luca, credimi, ci hai solo guadagnato!). Insomma un’edizione, dagli ascolti-record, che ricorda l’intreccio del romanzo greco, dove Dafni e Cloe (i protagonisti del fortunato romanzo di Longo Sofista), sono proprio Daniele Bossari e Filippa Lagerback, che, dopo un percorso tortuoso e gravido di insidie, vincono con il loro lieto-fine.

Articoli correlati: